>

martedì 12 febbraio 2013

step by step parte III - Vernice con gesso

Nel precedente post
 avete visto come ho decorato la mia corniciona
 trovata per strada una mattina..
Ma volevo spiegarvi meglio lo step-by step decorativo!
Sapete già che vi  sono
tante ricette per copiare la famosa chalck paint
Quelle conosciute sono composte
dal carbonato di calcio
ò
dal gesso di Bologna ò Parigi
ò ancora
dalla stucco per piastrelle.

Questa  mia prima volta ho voluto provare con il gesso di Parigi!
Questa è la ricetta trovata nei blog americani
e provata per voi! 

CHALK PAINT CON GESSO di PARIGI
HAMADE  

1/2 tazza di vernice all'acqua x mobili
1/2 tazza di acqua calda
1/2 tazza gesso di Parigi
sciogliere in acqua calda poi mixer la vernice cosi composta
otterete cosi 
la Chalk Paint fatta in casa!!


  

Una vernice dalla tetxture con effetto finale 
polveroso,
gessoso, 
burroso, 
farinoso!

Da decorare su ogni superficie in legno, plastica, laminati, come la melammina,
ma anche su supporti come il ferro.

La vernice a gesso é molto facile da applicare, 
ed é anche molto semplice con questa vernice ottenere l'effetto dell'usurato, 
carteggiando molto facilmente via la vernice, 
 senza dover applicare tecniche complicate.
 La texture è molto densa 
e quindi può avere un effetto levigante su superfici irregolari, 
e persino riempire piccole fessure e piccole imperfezioni.
Al contempo se diluita con acqua, 
si presta ottimamente ad effetti acquerellati; 
oppure,
usata densa e con la tecnica giusta, 
per ottenere l'effetto craquelè.
Non necessita di alcuna preparazione del fondo
 e si carteggia bene per ottenere l'effetto usurato.
Se avanza lo si mette in un barattolo 
e non si secca nemmeno dopo mesi.
E' assolutamente traspirante 
e quindi adatta anche per verniciare le pareti.

Sulla mia cornice ho da prima dato
 due mani di colore greis.
 passando
successivamente con colore bianco polvere
 con restanti altre mani.
Il test di questa vernice a gesso è il seguente:

Non avendo preparato il legno a ricevere la vernice, 
la chalck paint aderisce perfettamente alla base senza bisogno di cartavetrare.
Per ottenere una stesura ottimale bastano tre mani per essere soddisfatti
Per la mia cornice ne ho dato totale 5, 
3 di colore greis 

2 di bianco polvere.

Per ottenere l'effetto che volevo, 
ho iniziato a "rovinare" 
facendo risalire anche il colore del legno,
notanto che usando la carta vetro media,
 si presta benissimo per la tecnica 
shabby senza fare fatica!


Per la rifinitura si usa un flatting all'acqua satinato,
ma se volete ottenere un tatto morbido consiglio di usare
una cera per mobili,
 io avevo la cera decorativa bianca Novecento
 e ho usato quella finendo,
 con la
 cera bituminosa 
per ottenere l'effetto invecchiato come piace a me!

 
 Conclusione:

Come primo esperimento con la vernice a gesso mi sono trovata bene
ma qualcosa ancora non mi soddisfa..
Credo sia dovuto dalla tetxture che risulta " ruvida" al tatto.
Tanto che la cera come rimedio di finitura ha dato poi l'effetto finale piu "morbido"..
Quindi per chi volesse provare questa ricetta,
 consiglio senza dubbio di usare la cera come metodo finale
 per protteggere il risultato ottenendo quello effetto burroso
 tipico della vernice a gesso che trovate
 in vendita nei negozi di hobbistica col nome Les Decoratives
ò
della famosa chalk paint di Annie Sloan. 
Ricordo che da noi in Italia
l'unico rivenditore autorizzato per la vendita
della vernice chalk paint di Anne Sloan
è
Laura Maffei
Via Maremmana, 41
56024 La Serra-San Miniato (Pisa)
Lauramaffei72@virgilio.it

Cosi domenica ho iniziato la prima fase decorativa del quadro


Questa una delle tante stampe su tela che mi ritrovo in Soffitta..
Non so bene chi sia l'autore forse un Renoir ma non ne sono certa.

Ho iniziato a prepare la base 
incollando la tela su una tavola in mdf 50x70 come la cornice


In questi giorni sto studiando se creare un contorno materico con dello stucco
 ò riempirne i spazi vuoti con la tecnica del pittorico,
 imitando, con i colori ad olio, le tonalità della stampa..
Ma presa da altro...
 rimane in posa di studio nella mia country kitchen


preparando insieme al mio compagno 
i gnocchi di patate della Soffitta! ^_^

con tanto sugo al ragù come si fa dalle nostre parti ( Romagna )
 e pensando..



a come proseguire!! 

Voi che mi consigliate come "bordare" la tela????

Al prossimo step.by. work..

33 commenti:

  1. Ciaooo! non saprei cosa cosigliarti per la bordatura sinceramente.. però caspita che quadro!!!A ma piace tanto la Chalk Paint..si scrive così no?..quell'effetto polverono!! da quel giusto tono ai mobiletti! Io l'ho usata per lapiccola piattaia in cucina! Merito so e non mio è venuta un piccolo tesoro! Grazie della ricettina.. in genere preferisco comprare le pitture.. in questo sono un pò pigra! Ma è utile sapere come si fa!Casomai fossi dell'umore! Baciotti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io dico che se saprai cogliere quell'umore..ti divertirai tanto!! scommetti?? ^_^
      grazie sempre di esserci..

      Elimina
  2. Ciao behhhh sono mesi che uso la vernice Les Decoratives perchè mi piace moltissimo l'effetto....ma non sapevo che fosse una vernice al gesso....ora grazie a te ho anche la ricetta per produrmela da sola!!! Grazie!!
    Per la finitura del quadro io voto per il materico.....che mi piace sempre molto!!!
    Un bacione
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Elena! sto pensando..anchio al materico..mah ora vediamo il mio istinto su dove mi porta! grazie della visita.

      Elimina
  3. Carissima Piera, per la finitura del quadro non ho idee, ma grazie per tutte queste ricette, io ho usato la Decoratives per le lavagne che mi piace molto .. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conosco la linea Decoratives..ha una bella stesura di colore..ma la lavagna mai provata! mi diverte di piu mischiare e provare a vedere cosa esce fuori..a parte la fretta tento sempre di curiosare tra polveri e pennelli! baciotti cara Silvia!

      Elimina
  4. grazie per queste spiegazioni, mi è venuta una voglia di provare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te della visita! quando proverai..vorrei che mi invintassi all'evento..semmai avessi bisogno sai dove trovarmi! ^_^

      Elimina
  5. CIAO BLOG INTERESSANTE, COMPLIMENTI!!
    HO CONOSCIUTO IL TUO BLOG TRAMITE KREATTIVA..

    TI SEGUO... PASSA NEL MIO http://casa-dolcecasa.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh grazie! passerò a trovarti..tempo permesso!! graziee

      Elimina
  6. Che meraviglia, complimenti.. sto imprando un sacco dai tuoi post e ciò mi rende felice!
    Un abbraccio
    Sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieeeeee! che soddisfazione xme..^_^

      Elimina
  7. grazie Piera, il tuo consiglio mi sarà utilissimo!
    buona giornata VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Vale..grazie come sempre di passar di qua..smack!

      Elimina
  8. Sei un portento di idee!!! Complimeti!
    Lieta

    RispondiElimina
  9. livinginmyhomeblogspot.com13 febbraio 2013 17:56

    Bella la cornice,complimenti!! Avevo trovato anche io la ricetta della vernice gesso,ma prima devo finire di usare quelle di Annie Sloan.
    Ma il gesso parigi dove lo trovo,è un comune gesso o che altro?
    Bella anche la tua cucina e gli gnocchi ovviamente,da emiliana sono il piatto della mia infanzia..
    A presto Piera .
    Ciao da Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il gesso di parigi si trova in qualsiasi store hobbistico..è il gesso di parigi xkè è il piu raffinato che cè tra la scagliola e il gesso comune..significa che ad asciugatura avvenuta risulta piu bianco e dalla texture morbida, proprio dal fatto che le polveri che contiene sono piu "raffinate" rispetto al comune gesso..vedrai che lo trovi! baciotti compaesana é__é

      Elimina
  10. Devo dire che i tuoi esperimenti stanno venendo bene.... io veramente sono un pò scettica su questa vernice ... ma prima o poi la proverò..
    un saluto Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ti consiglierei di provarla a patto che la stesura finale sia fatto con la cera..e ti stupirà! baci e grazie della visita

      Elimina
  11. Ciao Piera,
    ho sentito tanto parlare di questa chalk paint ma non la uso. Da restauratrice ti posso dire che le vernici destinate originariamente per le pareti non vanno bene per i mobili in legno, che è pur sempre un materiale vivo, e che non tutto ciò che arriva dall'America è buono, anzi.... quasi mai, solo che sannao VENDERLO bene :-)
    Complimenti comunque per il tuo impregno, sia nel crearla sia nel lavoro!
    Un abbraccio
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura ciao! dunque questa è una imitazione all'originale..diversamente dall'originale la cui composizione di gesso - calce- olio di lino cotto al latte e resine naturali, hanno fatto si che questa chalck sia spopolata anche da noi..la mia è fatta solo con vernice all'acqua satinata in aggiunta di gesso fine di Parigi..il solo scopo era vedere se davvero avesse la presa su ogni supporto senza preparare il supporto al colore..tra l'altro ce ne sono tre di varianti..1 gesso - 2 stucco piastrelle - 3 carbonato di calcio quest'ultima sembra la meglio riuscita sia in formulazione sia per ottima presa ed effetto finale! ma devo ancora provarla..Ora non sò dirti se anche xtinteggiare le pareti sia perfetta, di certo è che se volessi tinteggiare di sicuro userei un traspirante è via..Mentre su un moblie pregiato..umh..ci penserei un attimo! Se fosse proprio pregiato butterei i pennelli ^_^

      Comunque grazie mille per la visita e dello scambio di idee..che portano sempre i loro frutti!!! ciaooooo

      Elimina
  12. Ciao Piera, grazie per la visita e commento che mi hai lassato:)
    Complimenti anche x te -hai un blog molto fascinante, da immergere e leggere con calma.
    saluti, Terhi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie della visita e buona settimana!!

      Elimina
  13. CIAO PIERA IO HO PROVATO A FARE LA CHALK COME HAI DETTO TU MA MI E VENUTA MOLTO RUVIDA HAI MICA CAPITO COME MAI O SE C'E DA AGGIUNGERE QUALCOSA'LTRO AL IMPASTO??? LA CHALK DI ANNIE SLOAN E MOLTO CARA QUINDI SAREBBE MOLTO UTILE SAPERE COME MIGLIORARE QUELLA AL GESSO QUALCHE CONSIGLIO IN PIU ???' GRAZIE DAVVERO TANTO I MIEI COMPLIMENTI X TUTTO QUELLO CHE FAI !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai mixato con un mixer??..il gesso và miscelato molto bene altrimenti rimane grumoso..mai aggiungere acqua fredda..piuttosto tiepida ma mai fredda!..cmq se non riesci a farla fine non temere..io lho usata anche grumosa..( non troppo grumosa eh )una volta asciutto dove hai passato la vernice basta una semplice scartavetrata..fammi sapere se và meglio!
      Altrimenti se vuoi cè la ricetta con il carbonato di calcio..con quella sò che non si fa fatica a scioglierla..ma devi trovarla in farmacia!..ciao e grazie della visita

      Elimina
  14. GRAZIE PIERA SI QUELLA CON IL CARBONATO E UNA BOMBA ADESSO MENOMALE L'HO TROVATO A MENO MA PENSA CHE 250 GR HO PAGATO 16 EURO,PENSO CHE IL PROBLEMA E NATO X CHE DA QUALCHE PARTE HO LETTO CHE SERVIVA IN 500ML DI VERNICE 2 CUCCHIAI DI GESSO MA NN PARLAVA DI ACQUA CALDA ECCO X CHE MAGARI MI E RIMASTO COSI POI IL GESSO E SCAGLIOLA NN PARIGI ANCHE SE QUELLO DEL NEGOZIO HA DETTO CHE ERA UGUALE BHOO,CMQ IO USO SEMPRE IL MIXER E LO TROVO UN OTTIMO AIUTO GRAZIE DAVVERO SEI DI GRANDE AIUTO BUON LAVORO:)

    RispondiElimina
  15. Ciao Piera, mi sono sempre chiesta cosa avessero di speciale le pitture les decoratives, che io uso ormai dal 2006, e che trovo davvero molto buone ora lo sò il gesso di parigi; proverò a cercarlo anche qui a Verbania ma ho i miei dubbi che i negozzi qui lo abbiano (faccio fatica anche a trovare una buona cementite all'acqua). Ho sentito molto parlare della pittura di Annie Sloane ma ho notato che è molto cara anche a causa delle spese di spedizione, però magari il rivenditore per l'Italia applica un prezzo di spedizione più umano.
    Intanto provo a farla io e speriamo bene.
    Complimenti post molto interessante
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna! grazie della visita è buona ricerca..Se non dovessi trovare il gesso di Parigi và bene anche il gesso di Bologna! ricordaelo..buon WEEK

      Elimina
  16. CIAO, GRAZIE PER I TUOI CHIARISSIMI (..FINALMENTE!!!) CONSIGLI...DAVVERO INTERESSANTE IL TUO BLOG...INFATTI...HO TRASFORMATO UN VECCHIO COMODINO CON LA TECNICA DELLO SHABBY CHIC UTILIZZANDO LA TUA "RICETTA" CON IL GESSO....PERO',NONOSTANTE SIA VENUTO MOLTO BENE, SI VEDONO LE PENNELLATE...COLPA MIA,DEL PENNELLO (CE NE VUOLE UNO IN PARTICOLARE?????), DELLA DENSITA' DELLA MISCELA????? MI RISPONDI PRESTO PRESTO ..COSI' POSSO CONTINUARE IL MIO LAVORO CON IL RESTO DEI MOBILI (COMODINO+COMO'+ARMADIO!!!!)? POSSO "RIPARARE" IN QUALCHE MODO ALLE EVIDENTI PENNELLATE? GRAZIEEEEEEEEEEEEEEE, KATYA

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...